Alla scoperta delle Torri costiere. - Castelluzzo.net
Atc Castelluzzo

Alla scoperta delle Torri costiere.

Alla scoperta delle Torri costiere.

Alla scoperta delle Torri costiere.

Le torri, per loro natura, sono sempre affascinanti e misteriose, soprattutto quando le si incontra in contesti naturali di indubbia bellezza.

Nelle vicinanze di Castelluzzo se ne possono ammirare due, davvero stupende: la torre dell’Isulidda e la Torre della Tonnara di Cofano.

Anticamente queste imponenti costruzioni avevano un ruolo di difesa delle coste dai pirati.  Di torri, sono infatti punteggiate le coste di molti paesi che si affacciano sul Mediterraneo, ma la Sicilia possiede qualcosa di unico, un sistema di torri di difesa messo a punto nel  XVI secolo dall’architetto Camillo Camilliani, su richiesta del Regno di Sicilia. 

L’idea del Camilliani fu quella di creare una sorta di circuito, sfruttando anche le torri costruite nei periodi precedenti, dagli arabi e dai normanni, ed aggiungendo a queste l’anello mancante che desse organicità all’idea del sistema di difesa dell'isola.
Grazie a questa idea ogni torre, quasi sempre sul mare, poteva comunicare con le torri vicine, e avvisare dell’arrivo dal mare dei temuti corsari o delle flotte nemiche, tramite segnali visivi o acustici.
Un messaggio poteva fare il giro di tutta la Sicilia in un solo giorno.

Della presenza di bellissime torri può vantarsi anche la costa trapanese, dalla Riserva dello Zingaro fino a Trapani, passando per San Vito Lo Capo e Castelluzzo.  Alcune di esse facevano  parte del sistema camilliano, altre avevano ruoli diversi. 

Nelle vicinanze di Castelluzzo si può ammirare la Torre dell'Isulidda.

Questa torre, si erge maestosa sul ciglio dell'altipiano che si affaccia sul golfo di Macari; solitaria e di grande impatto scenico, può essere ammirata dal belvedere di Macari e al tramonto la sua pietra tufacea si tinge di un rosa che incanta tutti.  

Sul golfo, dalla parte opposta, si trova un'altra torre molto interessante: la Torre della tonnara di Cofano.

 

Questa torre aveva una funzione di difesa della Tonnara e molto probabilmente serviva anche ad avvistare i branchi di tonni. Di forma quadrata con le pareti concave, essa possiede al suo interno dei grandi spazi utilizzati oggi come museo. Particolarmente suggestivo è il contesto in cui si trova, di fronte ad uno specchio d'acqua tra i più belli della costa, accanto ad un pugno di piccole case di pescatori e all'interno della Riserva Naturale di Monte Cofano. 

Se avete la possibilità di proseguire per la Riserva, lungo il sentiero costiero, incontrerete la Torre di San Giovanni. 

Anche questa torre a pianta quadrata, maestosa ed elegane si erge a picco sul mare.

 

Spostandovi a San Vito Lo Capo troverete due torri molto interessanti.

La prima la incontrate nella zona verso il faro, è chiamata il Torrazzo, e si tratta di una torre cilindrica di probabile fattura araba, oggi inserita  all'interno di uno spazio verde.

Proprio al centro del paese si trova la seconda. Questa torre non si vede guardando la facciata del Santuario-fortezza, dedicato a San Vito Martire, in quanto si erge su uno degli angoli dell'edificio, lato mare.

Per poterne ammirare tutta la sua imponenza dovrete spotarvi sul lungomare. 

Tra le altre torri presenti nelle vicinanze troverete la Torre dell'Impiso proprio sulla strada che porta alla Riserva dello Zingaro.

  

Ti consigliamo di leggere …

Bagli, Olio e Mare 2018

Ottava edizione

A caccia di tramonti, da Castelluzzo alle Saline dello Stagnone

Itinerario, quasi romantico, sulla costa occidentale della Sicilia